Second second life

secondlifePasso la maggior parte del mio tempo collegato a internet per lavoro. Parte di questo tempo la dedico a provare cose nuove, informarmi sulle novità, tenermi aggiornato. Cazzeggiare in parole povere.
Tra le mille luccicanti esperienze che si possono fare sul web mi ha conquistato travian, un gioco in cui occorre combinare un minimo di strategia e di tattica con la socializzazione (bisogna necessariamente trovare tanti e ottimi alleati per riuscire a giocare decentemente) e nottate insonni. Travian è pericolosissimo, se ci si appassiona il tempo scorre come a rovesciarlo da una diga.
Sono invece scettico, per non dire impermeabile ad altri “fenomeni” di cui si è tanto parlato in passato. Uno di questi è second life: scaricando un immenso software si ha la possibilità di creare un proprio avatar e “vivere” una seconda vita in un mondo virtuale. In parole povere si crea un omino e lo si fa muovere in un gigantesco mondo in cui ci sono negozi, case e tante altre persone; si può contribuire alla crescita del mondo costruendo un po’ di tutto, si socializza e …. si fa persino business. Si perchè in passato si leggeva spesso di questa o quella azienda (reali) che avevano aperto una vetrina (virtuale) su second life, ovviamente pagamento dollaroni reali. La mia personale interpretazione è che i responsabili del marketing di alcune aziende cercavano una scusa per giocare in ufficio e i debolissimi risultati economici della maggior parte di queste strategie di promozione sembrano confermare la mia tesi.
Ammetto che può anche essere divertente ma a me second life è sembrato noioso. Non ci siamo piaciuti fin dal nostro primo incontro.
Adesso però ho trovato una versione un po’ diversa, un clone di second life basato sugli stessi identici meccanismi ma in cui sostanzialmente … si tromba. Probabilmente il sito esiste già da anni ma io lo scopro soltanto adesso: il suo scopo fondamentale è avere rapporti sessuali (ovviamente virtuali) con altri personaggi. Si possono fare incontri a due o più persone, ci sono le sale a tema, quelle per il sado maso … non manca niente come, anzi meglio, che nel mondo reale.
Se second life mi lasciava perplesso questo coso mi lascia basito.

Lascia un commento

*